--> Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Ma la vita è una sola, è un dono, è colore, tramonti e amore.

Avere paura per il futuro, andare sul sicuro, evitare il rischio. La vita si ferma con l'illusione che abbiamo, invece, che proceda alla grande e senza troppi colpi di scena. In realtà lei va avanti per inerzia, in realtà si scappa dall'ignoto, che terrorizza più della certezza dell'infelicità con cui si convive quotidianamente. Io ho deciso di non accettare quell'infelicità, ho deciso di fare un salto nel vuoto, ho deciso di cambiare la mia vita radicalmente e andare incontro ad eventi a me sconosciuti, ché l'unica cosa certa sarà quell'inizio difficile, ma niente sarà peggiore dell'infelicità in cui ormai vivevo. Ho deciso di fare la valigia e partire per un nuovo paese, la Francia, e cominciare una nuova vita lì, una vita che guardo con occhi curiosi perché spesso sa essere così imprevedibile da lasciare senza parole. Ho sempre saputo che prima o poi avrei lasciato l'Italia per andare altrove, e quell'altrove per me era l'Irlanda, che tanto …

Ultimi post

Recensione: Salvare le ossa di Jesmyn Ward

Recensione: Turbine di Juli Zeh

Recensione: Di niente e di nessuno di Dario Levantino

Living Ramadan: tra fede e tradizione

Aprile: il mese della serenità, della lentezza e del sonno tranquillo

Recensione: La casa nella pineta. Storia di una famiglia borghese del Novecento di Pietro Ichino

Il free printable per tenere traccia delle statistiche del tuo blog

Recensione: Una ragazza affidabile di Silena Santoni

All'università ho imparato più dei concetti

Recensione: Il bufalo della notte di Guillermo Arriaga