Rubrica: Riepilogo mensile di maggio

Buongiorno, amanti della lettura!
Anche se un pochino in ritardo, non avevo voglia di saltare il nostro riepilogo mensile. Dunque, eccomi qui ^_^
Maggio è stato un mese frenetico, tra crisi di ansia e crisi da "io sono onnipotente" sono arrivata alla fine di questo mese in un attimo. Maggio è stato anche il mese in cui mi sono ripetuta ogni mattina, appena sveglia, che non avevo tempo di cadere in depressione e che dovevo tirare fuori le palle. Maggio è stato un po' il mese in cui mi sono messa alla prova, diciamo: mente fredda, ogni attimo occupato, e obiettivi da raggiungere. Tra questi c'era quello secondo cui, nonostante lo studio, avrei avuto comunque tempo di leggere. E vediamo un po' se ci sono riuscita :)


Il mio primo approccio con Mathias Malzieu, uno scrittore che usa l'anima al posto della penna, breve ma conciso. Mi sono innamorata della sua scrittura e inizio a pensare che la delicatezza e il romanticismo, palpabili in questo breve romanzo, siano una caratteristica della letteratura francese. Per esserne più sicura la approfondirò, magari proprio con un altro libro di Malzieu. Potete leggere la recensione qui.


Chelsea & James, un esordio col botto del mio quasi coetaneo Giuseppe Cozzo. Questo romanzo mi ha meravigliata e fatta perdere nei meandri della mente con riflessioni che vanno dal divino al legale. Che poi, il confine dove sta? Per scoprirlo meglio potete leggere la recensione.


Nella settimana prima dei miei esami molto stressanti, ho deciso di leggere Una meravigliosa bugia di Jamie McGuire, tanto per evadere un pochino, sognare un pochino. Non mi aspettavo certo una storia da telenovela sudamericana. Eppure, come ho scritto nella recensione, trovo del buono in qualsiasi cosa e, infatti, questo libricino mi ha fatta riflettere su qualche argomento per niente superficiale.


Prima dell'inizio della Salone del Libro di Torino, una sera, volevo leggere qualcosa di molto italiano ma breve. Senza riflettere ho scelto Frittata alle ortiche di Mara Roberti. Ho amato il "messaggio" di questa storia brevissima, un messaggio che ho sperimentato in questo maggio e che trovo molto veritiero, come le protagoniste: Non puoi perdonare finché ti fa male. Se siete più interessati potete leggere la recensione.


Questo mese, se non sbaglio, è uscito il film Suite Francese tratto dall'omonimo libro di Irène Némirovsky. Molti blogger si sono lanciati nella sua lettura. Io ho preferito non farlo, ho preferito scoprire l'autrice, che mi attira da molto tempo, con qualcosa che fosse più intimo, più personale. Il vino della solitudine è meraviglioso! Lo consiglio vivamente agli amanti dei classici che, tra l'altro, è entrato a far parte dei miei classici preferiti.


Alessia Gazzola di qua, Alessia Gazzola di là. Insomma, come potevo non esserne incuriosita? Quindi, iniziando da Sindrome da cuore in sospeso, ho deciso di leggere questa serie di libri. Anche perché Alice mi sta molto simpatica, sarà perché assomiglia molto alle ordinarie e incasinate ragazze dai vent'anni in su?

Quindi, direi che nonostante lo studio non ho tralasciato la mia grande passione.
È stato cosí anche per voi?
Avete letto qualcuno di questi libri?

Commenti

  1. 'Il bacio più breve della storia' vorrei tanto leggerlo!
    Quello di Giuseppe Cozzo è davvero carino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che mi sono persa la tua recensione de Chelsea And James ^^ Dopo vado a leggerla!

      Elimina
  2. Anche per me maggio è stato ricco di letture, vorrei leggere Il bacio più breve della storia e Una meravigliosa bugia mi ispirano ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio Il bacio più breve della storia, e sarei curiosa di leggere il tuo parere sul secondo ^^

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari