Un salto in libreria #8


Buonasera, amanti della lettura!
Questa settimana è terminata lasciandomi piena di soddisfazioni da ogni punto di vista, anche letterarie :) Quindi facciamoci un salto in libreria per altre soddisfazioni ancora. Delle quasi novità di oggi sto finendo La casa di Parigi e mi sta piacendo molto, anche se a causa degli impegni la sua lettura è stata più volte interrotta.


Titolo: Les Revenants
Autore: Seth Patrick
Editore: Piemme
Pagine: 448
Prezzo: € 19.50 (cartaceo) € 8.90 (ebook)
Uscita: 22 settembre 2015

In un paesino francese tra le montagne, la diga che circonda le case ha, inspiegabilmente, cominciato a cedere. E mentre l’acqua sale in modo quasi impercettibile, Camille, morta in un incidente stradale con l’autobus della scuola quattro anni prima, torna a casa. Non è invecchiata di un solo giorno, ha fame, molto sonno, e pensa di essere di ritorno da una gita scolastica. Lo stesso accade a Simon, morto il giorno del suo matrimonio, che torna da Adèle e la trova sposata a un altro. E poi c’è il piccolo Victor, comparso dal nulla, che non sa dove andare e segue una ragazza per strada, perché gli ricorda la fatina delle favole. Les Revenants – Quando ritornano è la storia di Camille, di Simon, di Victor e di molti altri, ma è anche la storia dei vivi, di un’intera comunità che deve fare i conti con la sorpresa e la gioia di rivedere i propri cari, ma anche con la paura che qualcosa di ultraterreno, di terribile, si stia impossessando delle loro vite. Una grandissima invenzione narrativa, che ha funzionato nella serie tv rivelazione degli ultimi anni, e ancor più funziona in questo romanzo ispirato alla serie, una narrazione avvincente che mescola thriller, mystery, suspense, dramma e affronta il tema della morte in modo assolutamente inedito.


Titolo: La casa di Parigi
Autore: Elisabeth Bowen
Editore: Sonzogno
Pagine: 288
Prezzo: € 16.00
Uscita: 8 ottobre 2015

Siamo a Parigi, in inverno, la Grande guerra è finita da poco, aleggia sulla città un’atmosfera cupa e vischiosa. Alla Gare du Nord scende Henrietta, undici anni, con in mano la sua scimmietta di pezza. Viene a prenderla la signorina Fisher, un’amica di famiglia che la ospiterà per una intera giornata in un elegante appartamento, in attesa di farla ripartire per il Sud della Francia. In quella casa borghese, dal confortevole odore di pulito, Henrietta si imbatte in una gradita sorpresa: c’è un suo coetaneo, il fragile Leopold, avviato verso un futuro incerto. Tra i due bambini, estremamente sensibili e inquieti, dopo l’iniziale diffidenza, si accende la curiosità: di ciascuno nei confronti dell’altro, e di entrambi verso il misterioso mondo degli adulti. I due fanciulli, grazie agli indizi disseminati attorno a loro, rivivono, tra immaginazione e realtà, le tormentate storie d’amore dei grandi, in particolare quella scandalosa tra la madre di Leopold e il suo padre naturale. Acclamato come un classico al momento della pubblicazione (1935), La casa di Parigi, oltre a mettere in scena una rovente passione sentimentale, è un acuto studio psicologico e un esercizio di finezza letteraria sulla prima irruzione del dolore, sulla scoperta del sesso e sulla perdita dell’innocenza.  

Commenti

  1. Mi incuriosisce molto La casa di Parigi: ha una trama troppo originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, motivo per cui sono stata attirata :)

      Elimina
  2. Oggi dove mi giro giro vedo Francia da per tutto. Les Revenants non mi attira più di tanto sai. E La casa di Parigi mi inquieta e spaventa, ma penso di poterlo leggere un giorno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh oui? La France oui oui :D Non è come pensi, de La casa di Parigi, è molto lontano da quello che pensi.

      Elimina
  3. Il secondo ha una trama che, non so perché, mi inquieta un po'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trama è ingannevole :) Fidati di me.

      Elimina
  4. Ciao Nolwenn! Les Revenants mi attira un sacco, non conosco la serie tv, ma la trama mi incuriosisce!!! La casa di Parigi invece non mi dice molto, aspetterò la tua recensione per saperne di più! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena ^^ Per me è il contrario invece. La casa di Parigi è una specie di classico che ho apprezzato ma ho trovato leggermente poco scorrevole.

      Elimina
  5. Ciao complimenti per il blog! Mi sono appena iscritta!! Ti aspetto da me =D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari