Riepilogo mensile di gennaio


Buongiorno, amanti della lettura.
Gennaio è stato il mese del relax, dei pensieri leggeri, delle piccole gioie nelle piccole cose, che fanno grande un'emozione. Come accorgersi di aver riacquistato la propria autostima, come rendersi conto di non essere più così severi con se stessi, come sentirsi leggeri e sorridere con gli occhi.
Gennaio è stato anche il mese in cui mi sono sentita libera: libera da tutto, da tutti. Quel senso di soffocamento che spesso mi assale è sparito per un po', rendendomi felice ed è stato come guarire dall'influenza: risentire i sapori delle emozioni, dopo molto tempo.
Gennaio è il mese in cui Uno Scaffale di libri ha spento la sua prima candelina, e vi ho raccontato quanto questo significhi per me: A distanza di un anno, quando tutto cominciò.
Gennaio è stato il primo mese di quest'anno nuovo ed è iniziato col piede giusto, con i sentimenti giusti e, forse, anche coi libri giusti.


L'anno inizia con il botto con L'amore non è mai una cosa semplice che, consigliatomi da un'amica, mi ha fatto scoprire Anna Premoli. La scrittrice mi ha conquistata con la storia di Lav e Seb, la loro ironia, la loro empatia, tanto che attendo con ansia il prossimo libro che parla dell'amica di Lav, Giada, e presto leggerò altro dell'autrice. Ve ne parlo in maniera più approfondita nella recensione.


L'invenzione della madre è un libro che ho bramato per tantissimo tempo e, dopo che l'ho comprato, ne ho rimandato la lettura con la scusa, che poi scusa non è, del poco tempo libero che non mi avrebbe permesso di godermi, come avrei voluto davvero, il libro. Ma alla fine ho ceduto e l'ho iniziato, andando molto a rilento. Perché? Perché è un libro che fa male, molto, e non l'ho apprezzato a trecentosessanta gradi. Nella recensione vi spiego perché.


Ormai lo hanno capito anche i muri che Federica Bosco mi piace. Ma forse è meglio specificare che mi piace la vecchia Federica Bosco, quella ironica che mi strappava sorrisi e risate e che mi supportava nei momenti di stress. Perché quella de Il peso specifico dell'amore mi ha lasciato molta tristezza e un peso quasi psicologico, con una protagonista che non ho sopportato. Ve ne parlo meglio nella recensione.


Quella vita che ci manca è bellissimo. Come ogni libro della D'Urbano, del resto. Tornare alla Fortezza è come riabbracciare un caro. Libro struggente. A presto la recensione.


Chirù è una di quelle letture che scegliamo senza pensarci troppo, e che dopo assaporiamo pian pianino per godercela. Peccato che dopo un po' non abbia più un buon sapore, diventi quasi insipido. Infatti il libro è cominciato benissimo, per poi lasciarmi con un grande punto di domanda. Mi sarà piaciuto? A presto la recensione.


Mio padre in una scatola da scarpe parla di una storia vera, di mafia, di vita con cautela e di piogge che devono ripulire per bene tutto quanto. Ve ne parlo meglio nella recensione.


Tutto ciò che sappiamo dell'amore è il mio primo approccio alla tanto amata Hoover, colei che spezza i cuori, che fa commuovere, che fa disperare le lettrice. Ma, una volta terminato, ho pensato: tutto qui!? A presto la recensione.

__________________________________________________________

E che mi dite delle vostre letture? Siete soddisfatti o no?
Gennaio è finito, febbraio invece è iniziato. Vi auguro tante belle letture e belle emozioni :)

Commenti

  1. Tutto ciò che sappiamo dell'amore è carino ma anche io dalla Hoover mi aspetto sempre di più e poi rimango un po' con l'amaro in bocca, è uscito anche il seguito ma non è niente di che molto molto simile a questo.
    Buone letture!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo immaginavo! Infatti sono sicura di non leggerlo, andrò oltre con un'altra lettura per darle una seconda possibilità, ma molto più in là nel tempo.

      Elimina
  2. Della Hoover ho letto solo "L'incastro (im)perfetto" e ti dirò, non mi è dispiaciuto affatto. Di Federica Bosco ho letto invece "Innamorata di un angelo" ma tra me e l'autrice non è scattato nessun feeling. Mi incuriosisce Anna Premoli! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, mi hanno detto che è meglio, ma non so >.<
      Quello non l'ho letto perché non sono un'amante del genere, ma io amo la Bosco e credo che inizierò anche con la Premoli. Te la consiglio ^^

      Elimina
  3. Della Hoover ho letto solamente "Tutto ciò che sappiamo dell'amore" e non mi è piaciuto per nulla. Sono curiosa di leggere la tua recensione, tesoro! <3

    RispondiElimina
  4. Quante belle letture!!♥ anche io vorrei leggere qualcosa della rinomata Hoover e spero di comprare presto qualcosa^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, non comprare questo allora ahaha :D A me non è piaciuto molto e anche i fan dicono che è quello meno riuscito.

      Elimina
  5. Di questi ho letto solo quello della Premoli, invece conosco la Hoover per altri libri e mi è piaciuta:) letture in questo mese non ne ho fatte molte purtroppo, tra queste la rivisitazione della Meyer e il nuovo libro di Rachel Van Dyken, che come tu ben sai io amo alla follia!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avermela consigliata ^^
      Sì, certo che lo so <3

      Elimina
  6. Belle letture :) Alcuni di questi romanzi ancora devo leggerli, ma sembrano davvero interessanti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di cuore la D'Urbano e la Premoli ^^

      Elimina
  7. E' da un po' che non passo a trovarti <3 sono felice sia stato un mese positivo! anche per me l'anno si è aperto con la gioia di aver ritrovato quel pizzico di leggerezza che fa tanto bene al cuore.
    Quante letture *_* complimenti! Io purtroppo ho letto pochissimo, a febbraio spero di rifarmi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Pam, grazie per essere passata <3
      Eh, sentirsi un po' sulle nuvole è sempre un piacere!
      Lo spero anche io, perché febbraio è ricco di novità succose ^^

      Elimina
  8. Il libro della Premoli lo vorrei leggere anche io, è in TBR da un po' ormai. :)
    Mentre Tutto ciò che sappiamo dell'amore, e il seguito, è stata l'unica storia della Hoover che non mi ha per niente convinta.
    Sono propria curiosa di leggere la tua recensione in merito. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio, davvero :)
      Ecco, anche tu me lo dici. Certo che sono un po' sfortunata :D

      Elimina
  9. Come sai ho amato la Premoli <3 Mentre della Hoover hai scelto il libro meno spezza cuore, io ti consiglio Le coincidenze dell'amore, come ti ho già detto, quello ti emoziona davvero moltissimo e ti colpisce per varie tematiche trattate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Graziee Jess, prima o poi ci riprovo con la Hoover :)

      Elimina
  10. Ciao <3 della Bosco ho letto la trilogia innamorata di un angelo e l'ho adorata *_* ma non ho letto gli altri suoi libri quindi credo che inizierò da questo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari