Riepilogo mensile di febbraio


Buongiorno, amanti della lettura!
Febbraio è volato via, come tutti gli altri mesi del resto, ma questo è stato diverso.
A febbraio ho provato così tanta felicità e serenità che non me lo dimenticherò mai. Non mi voglio chiedere perché, da quando, voglio solo viverla.
Ed ecco qua che febbraio ci ha lasciato, con il suo giorno in più, mentre marzo entra nelle nostre case e io sono sempre più contenta perché la primavera è sempre più vicina.
Febbraio è stato un bellissimo mese anche per le letture che ho fatto, che sono tantissime! Vediamole un po' insieme.


Il mese di febbraio si è aperto con un gioiellino di libro che non posso non consigliare a chiunque voglia andare oltre alle notizie del TG, ai luoghi comuni e alle dicerie che la pancia "affamata" permette di dire. Il mare nasconde le stelle, scritto a quattro mani, di Francesca Barra e Ramon, racconta la storia di fuga e di ricerca di un futuro migliore per il ragazzo. L'ho adorato! Ve ne parlo meglio nella recensione.


Se ne è parlato moltissimo de La tentazione di essere felici. Blogger di fiducia lo consigliavano a destra e a manca, aspettavo che il suo periodo da tormentone finisse, cosa non accaduta. Così l'ho letto finalmente cercando di dimenticare le opinioni lette o sentite. Cesare Annunziata e la sua storia mi sono piaciute molto, lo ammetto, non quanto dicono le mie blogger di fiducia, ma tanto da non riuscire a scrivere la recensione dopo quasi un mese.


Non mi sono fatto mancare niente è la mini autobiografia del figlio di Fantozzi, all'ombra di questo e ci racconta come la sua assenza come padre e figura maschile nella sua vita lo abbia spinto a usare droghe con la ferrea convinzione di poter smettere in qualsiasi momento. Ve ne parlo meglio nella recensione.


Cade la terra è il vincitore del premio Campiello, ma non è stato soggetto al classico tormentone da bestseller nel mondo dell'editoria. Capirete quindi che è la combinazione perfetta per me e per convincermi a leggere un libro: altissime aspettative quindi, deluse in parte però. Non riesco a scriverne la recensione perché non ho moltissimo da dire a parte che è grigio, cupo e parla di abbandono.


La ragazza del treno è un bestseller. Un thriller psicologico coi fiocchi, hanno detto. Sì, e io sono alta, bionda e con gli occhi azzurri. Ve ne parlo meglio nella recensione.


Dopo Perché si dice addio posso dire che ho letto tutto di Giulia Carcasi. Un storia fugace di sole sei pagine che parla della separazione e di abbandono: la Carcasi e la sua scrittura che è magica.


Lettera a un bambino mai nato è ormai considerato un classico della nostra letteratura, e Oriana Fallacci una profeta dei nostri tempi. Per avvicinarmi a lei - ché al contrario della maggior parte delle persone non stimo come persona e per le sue dichiarazioni - ho deciso di farlo con questo libriccino. Non vi nascondo però che non mi è piaciuto, e vi spiego perché nella recensione che verrà pubblicata molto presto.


Adesso è l'ultima possibilità che ho dato a Chiara Gamberale, scrittrice che amo e odio. Con l'ultimo libro la scrittrice ha toccato una parte di me che ancora non avevo incontrato in altri romanzi, è stata la prima, è stata la prima a farlo così, come se fossimo in confidenza. Se ho fatto bene a darle un'ultima opportunità? Penso di sì e vi spiegherò il per come e il perché nella recensione molto presto.


Ruggine è un libro che ti si attacca alla pelle e graffia via una parte di te, per farsi spazio. Un libro profondo, toccante, struggente, dalla bellissima prosa della scrittrice e che consiglio davvero. Ve ne parlo meglio nella recensione.


La casa sul fiume è stupendo! L'ho finito venerdì sera, eppure non riesco ancora a staccarmene emotivamente. Un storia che gira attorno a tantissime figure femminili, mentre il tempo scorre, e con lui il fiume della vita. L'ho amato! Ve ne parlo molto presto nella recensione.


La psicoanalisi in cinque conferenze racchiude tutta la psicoanalisi di Freud in cinque conferenze che lui stesso ha tenuto. Scritto in modo chiaro e meno impegnativo del solito, secondo i canoni di Freud, finalmente l'ho finito. Spero di scriverne presto la recensione.


La ricetta segreta per un sogno è l'ultimo libro che ho letto in questo febbraio che è volato. Valentina Cebeni ci racconta la storia di Elettra, del suo passato e del suo ritrovarsi, grazie alla passione: l'unico ingrediente essenziale nella vita. Ve ne parlo molto presto nella recensione.

_____________________________________________________________

Tantissime letture a febbraio, tutte diverse tra di loro, e alcune davvero molto belle. Ma che me ne dite delle vostre? Ne abbiamo qualcuna in comune?
Vi abbraccio tutti e a presto!

Commenti

  1. Ma quanto hai letto! Bravissima, in comune abbiamo la lettura di La ricetta segreta per un sogno! Chiara gamberale non è facile da leggere, ma io sono molto curiosa di conoscere il tuo parere su Adesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, anche tu? Passerò a leggere la tua recensione ^^
      La recensione "andrà in onda" settimana prossima, penso, ma ti dico già che mi è piaciuto.

      Elimina
  2. Siham <3 Non vedo l'ora di leggere Adesso e dopo il tuo giudizio ancora di più: sappiamo entrambe di avere un rapporto conflittuale con la Gamberale. Ho letto " Lettera ad un bambino mai nato" anni fa e mi ricordo che non mi era dispiaciuto: sono curiosa di leggere la tua recensione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, ma con Adesso ho fatto pace con la Gamberale ^^
      A me purtroppo non è piaciuto e non vedo l'ora di parlarne con te! <3

      Elimina
  3. Avevo letto la ragazza del treno ma come bene sai non mi è piaciuto; sono invece curiosa di leggere la tua recensione de "la ricetta segreta per un sogno", c'é qualcosa che mi attira:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo, sì :)
      Sarà pubblicata domani o venerdì, sono ancora indecisa, ma felice che ti attiri ^^

      Elimina
  4. Tutte letture interessanti le tue. Anch'io ho apprezzato molto ma non amato Cesare Annunziata e credo d'esser partita male con la Gamberale; Le luci nelle case degli altri non mi è piaciuto affatto ma ho già in libreria Arrivano i pagliacci con cui darle una seconda possiilità. Dopo aver letto la tua recensione, ho ordinato Ruggine e non vedo l'ora che arrivi :)
    Per quanto mi riguarda, ho letto moltissimo ma non sono riuscita a postare tutte le recensioni, mi auguro di recuperare nei prossimi giorni. Il libro più bello del mese è stato Le stanze buie di Francesca Diotallevi, a seguire Hyperversum Next di Cecilia Randall che proprio non mi aspettavo fosse così coinvolgente.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, ecco che spunta una mia "collega" che la pensa come me su Cesare Annunziata! :)
      Le luci nelle case degli altri è l'unico che non ho letto, dopo Tre etti d'amore, grazie. Ho odiato quest'ultimo!
      Sono felicissima che tu stia aspettando Ruggine e non vedo l'ora di sapere come la pensi perché spero tantissimo che ti piaccia ^^
      Conosco il primo che hai citato, ne ho sentito parlare bene, anche se non mi attira molto.
      A presto <3

      Elimina
  5. Anche io con Gamberale amore e odio, infatti sono davvero indecisa se iniziare o meno l'ultimo ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalle un'ultima possibilità, come ho fatto io :) Settimana prossima pubblico la recensione, e spero di convincerti a farlo <3

      Elimina
  6. Bellissime letture! Non vedo l'ora di leggere la tua recensione di "La ricetta segreta per un sogno" che sto morendo dalla voglia di leggere! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io morivo dalla voglia di leggerlo! :)
      Domani o venerdì la pubblico e spero che ti convinca ^^

      Elimina
  7. Ma quante belle letture, Siham! Alcune mi ispirano molto *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho letto tantissimo e non so neanche come ho fatto XD Sì, è stato un buon mese, dai. Spero che finalmente avremo una lettura in comune ^^

      Elimina
  8. Sono mancata così tanto su questo mio preferito angolino di paradiso che mi sono persa tantissime cose... ah ma presto riuscirò a mattermici in pari, ne sono sicura! Anche perché sono incredibilmente curiosa di scoprire cosa non ti è piaciuto di La ragazza del treno, che è piaciuto a tutti e che io non aprirò mai. La tentazione di essere felici non mi ispira moltissimo, perché ho letto un libro simile e mi sono innamorata a tal punto del vecchio protagonista da non avere spazi disponibili nel mio cuoricino da lettrice (sono strana, lo so). Io della Gamberale avevo letto Quattro etti d'amore grazie, non vedo l'ora di leggere la recensione di Adesso! Avvisami quando la posti ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari