Recensione: Quelle belle ragazze di Karin Slaughter

Buongiorno, amanti della lettura.
Dopo avervi parlato de Capelli biondi, occhi azzurri, novella prequel di Quelle belle ragazze, oggi vi propongo la mia recensione di quest'ultimo. Un romanzo crudo, diretto, con l'ansia che sembra sulle montagne russe: consigliato per coinvolgersi in un'indagine alla Criminal Minds.


Titolo: Quelle belle ragazze
Autore: Karin Slaughter
Editore: HarperCollins Italia

Trama:
Claire e Lydia sono sorelle che non si parlano da più di vent'anni. I loro rapporti si sono interrotti quando Claire ha deciso di sposare Paul, affermato architetto, e di diventare la sua sofisticata moglie trofeo. Lydia, invece, è una madre single, ha una storia con un ex detenuto, e fatica ad arrivare alla fine del mese. Nessuna delle due è riuscita a superare la tragedia che ha colpito la loro famiglia quando Julia, la sorella maggiore, è scomparsa senza lasciare tracce, e la notizia che un'altra ragazza, anche lei giovane e bellissima, è sparita nel nulla in circostanze molto simili, di colpo riporta nelle loro vite tutto l'orrore e lo strazio del passato. Come se non bastasse, pochi giorni dopo Paul viene ucciso. Che legame c'è tra la scomparsa di un'adolescente e l'omicidio di un uomo di mezza età a quasi venticinque anni di distanza? Accantonata la reciproca diffidenza, le due sorelle si alleano per dissotterrare i segreti che hanno distrutto le loro vite, finendo per scoprire una scioccante verità dove meno se l'aspettano.


Recensione:
Ci sono quelle cose che possono segnare profondamente le persone. Sia fuori dai romanzi, che nei romanzi. Del resto questi prendono spunto un po' dalla vita reale, e non c'è cosa più reale della violenza.
La violenza cambia la vita di ognuno di noi, che sia diretta o indiretta, esplicita o implicita, che sembri una carezza o una tortura. La violenza assume tantissime sfumature, tutte complementari tra loro, da formare un unico e grande dolore.

Tu forse mi risponderesti, come ha fatto tua madre, che posso recuperare questa mancanza con le tue sorelle, ma in fondo è nella natura umana desiderare ciò che non possiamo avere.

Le sorelle Claire e Lydia, assieme alla famiglia, hanno vissuto questo grande dolore che li ha tutti straziati. Dopo vent'anni dalla scomparsa della sorella Julia vivono ancora tormentati perché, sebbene si dicano che non c'è più speranza, quella speranza c'è ancora. E' che all'essere umano serve una risposta definitiva, detta ad alta voce per renderla vera. E' che il corpo di Julia non è mai stato trovato, lo sceriffo Braccobaldo ha continuato a dire che Julia è scappata via di casa come molte altre ragazze della sua età, è che in fondo il padre Sam e la madre Helen non si fanno devastare dal dolore.
Sam non ha mai smesso di fare ricerche per trovare la verità, si sveglia la notte madido di sudore e urla con tutto la forza che ha in corpo. Helen su quel letto invece passa le giornate a piangere e a chiedersi il perché. Un matrimonio che sembrava non aver mai avuto scosse e che improvvisamente viene demolito, perché talvolta non è vero quello che dicono: il dolore non si regge in due, quando il proprio ci sfonda già schiena.

Si addentrò nel salotto. La luce era accecante e lei chiuse gli occhi per un attimo, lasciandosi scaldare il viso dal tepore del sole mattutino. Poi però si voltò, perché le sembrava sbagliato godere di qualcosa di tanto semplice proprio dopo aver scoperto tanto dolore.

Senza scricchiolii, senza crepe, la famiglia Scott viene giù come un castello di sabbia mentre Claire impara a farsi invisibile, a passare inosservata dopo che per molto tempo è stata con la famiglia alla mercé dell'opinione pubblica. Si fa anche elegante, bellissima, disinibita e incapace di far mettere radici al cuore; un eterno toccata e fuga, il suo.
Lydia invece trova conforto nelle sostanze stupefacenti, nell'alcool, tra le braccia degli uomini che non sanno amare l'anima ma solo il corpo. Lydia entra ed esce da quel tunnel, con gli occhi che vengono accecati dalla luce e altre che non li sfiorano nemmeno tanto persi nell'oscurità.

Tutto ciò che faceva o diceva era una gioia per me: adoravo i libri che leggeva, il suo modo di pensare, il modo in cui mi guardava e riusciva a scorgere qualcosa di cui io ero solo in parte consapevole.

Ognuno di loro deve badare a se stesso, cercare la propria salvezza oppure trovarla in qualcun'altro. Claire la trova nel marito Paul, uomo ricco che sembra nutrire per lei tantissime attenzioni da scatenare l'invidia dei conoscenti. E' tutto così perfetto tanto che, spesso mentre è persa nei suoi pensieri, Claire si chiede se è giusto che adesso lei abbia tutto ciò. Tutto così perfetto, da sembrare surreale, da sembrare un sogno. Chi è davvero Paul? Si chiede poi Claire, dopo che il marito muore. Il maritino devoto, oppure un sadico violento? Perché davvero, è tutto così surreale, e pare che l'unica perfezione sia nella doppia vita del marito: senza errori, sbavature, confini poco delimitati.

Quella parole restarono sospese tra loro come palloncini attaccati a un peso. Davvero Lydia voleva starle accanto, oppure con quel viaggio assurdo voleva solo dimostrare di aver avuto ragione su Paul fin dall'inizio?

Lydia, dopo anni che ha rotto il legame con Claire e dopo l'accusa che le è stata fatta, inciampa nella sua vita e, insieme, decidono di andare a fondo per scoprire la verità. O meglio, le verità. E' possibile che Paul fosse coinvolto in qualcosa di illegale? I file sul suo computer non mentono: un sacco di ragazze sono state strappate via dalle loro famiglie per il piacere dell'uomo mascherato e di chissà quanti altri.
Claire dovrà decidere spesso se scegliere il filo rosso o il filo blu, come davanti a una bomba, per scoprire la verità o tornare alla sua vita agiata, talmente agiata che sembra averle annullato la personalità.
Quella che invece ha rafforzato la personalità è Lydia, dopo aver tagliato i ponti con la famiglia e essersene costruita una con fatica, dovrà decidere se stare accanto alla sorella e incamminarsi con lei sulla via del perdono.

Lui soppesò l'attrezzo nelle mani. Guardò l'estremità a martello, l'enorme artiglio dall'altra parte. - Quest'oggetto mi può tornare molto utile, non trovi? -
Figlio di puttana, gli rispose, ma solo nella sua mente.
- Sta' a vedere. - Sollevò la sbarra su una spalla, come una mazza, e fece il gesto di colpirle la testa.

Un romanzo che tiene attaccati alle pagine, che fa correre il criceto nella nostra testolina perché le uniche volte in cui ho interrotto volontariamente la lettura è stato per raccogliere gli indizi e cercare di mettere insieme i tasselli e trovare la verità con le nostre donne, totalmente diverse tra di loro e accomunate non solo il legame di sangue, ma da un mistero e una menzogna che brucia da una vita.
Karin Slaughter è capace di mettere sul fuoco l'ansia e poi addolcire e aumentare la fiamma: ci sono state le volte in cui la vicenda è stata lenta, per suo volere, e pian pianino si faceva sempre più avvincente, più cattiva e per niente dolce o delicata nei dettagli che ci racconta.
Quelle belle ragazze, di Karin Slaughter, è infatti un romanzo spesso crudo e crudele, con uno stile diretto che non usa mezzi termini, a cui non sono riuscita a trovare neanche un difetto. Una lettura perfetta per estraniarsi e sentirsi completamente coinvolti in un'indagine alla Criminal minds.

Fu un suono penetrante, e fu come se qualcuno avesse squarciato il cuore di Claire con una scheggia di vetro. Si prese il viso tra le mani. Il suo corpo non riusciva a smettere di tremare. Il cuore le fremette nel petto. Lydia cominciò a gemere.

Commenti

  1. Bellissima l'immagine del criceto che corre imperterrito :)
    Appena ho scovato la tua recensione ho detto devo leggerla! Lo ammetto, il tuo è il primo parere in cui mi imbatto e devo dire che non hai disatteso le aspettative che nella mia testolina si erano formate prendendo in riferimento trama e copertina. Mi piacciono i romanzi in cui ci si sente così coinvolti nell'indagine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, e questo libro garantisce il coinvolgimento ^^

      Elimina
  2. Questa è una serie che devo assolutamente leggere, mi sto appassionando sempre di più ai gialli *-*

    RispondiElimina
  3. Bellissimo libro....consigliato
    Provate bambola con suoni e accessori. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NjA4MDE1OCwwMTAwMDA1MSxiYW1ib2xhLWNvbi1zdW9uaS1lLWFjY2Vzc29yaS03NTY3Lmh0bWwsMjAxNjA3MTQsb2s=

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari