5 libri + 1 che non riesco a recensire


Buongiorno, amanti della lettura!
Tutti noi, prima o poi, ci siamo trovati nella situazione in cui non siamo riusciti a parlare o scrivere di un libro in particolare; vuoi perché lo abbiamo amato troppo, vuoi perché ci è indifferente, vuoi perché, davvero, non sappiamo come farlo e le parole ci muoiono in bocca. Che abbiamo un blog, che invece durante una cena non riusciamo a dire a quell'amico lettore perché (non) dovrebbe leggere quel libro specifico, tutti ci siamo trovati in questa situazione. Oggi vi parlo di quelle letture che, personalmente, mi hanno messa più in difficoltà.



Quella vita che ci manca di Valentina D'Urbano e non solo:  non c'è niente da fare, io non riesco a recensire i libri di Valentina D'Urbano. In genere mi trovo molto in difficoltà con tutti i libri che mi lasciano il segno, ma con lei continuo a sentire una turbine di emozioni e di parole che non vogliono placarsi per permettermi di ordinare le idee e buttare giù due righe. Non c'è niente da fare, sì.


Il grande futuro è un romanzo che ho aspettato così tanto e che alla fine ho divorato di due notti. L'ho amato dalla prima all'ultima pagina ma non riesco a recensirlo o a parlarne in maniera adatta, se esiste una maniera adatta, perché il libro tocca corde molto intime e vicine a me. L'islam, la religione, il mondo arabo, sono anche il mio mondo, così pieno di contraddizioni come tutte le religioni, tanto da coinvolgermi troppo e sarebbe tutto un nero contro bianco, un sì contro un no.


Amo Giulia Carcasi, ma con Tutto torna mi ha messa sotto dura prova perché ho avuto difficoltà a capirlo e per giorni ho girato per casa pensandoci. Alla fine penso di averlo capito, ma non so come parlarne senza esitazione o tanti punti di sospensione. Sembra che parli dell'uomo, Tutto torna, dell'uomo mondo.


Voglio vivere una volta sola, un libricino che mi ha spezzato il cuore per l'infinita tristezza che lo caratterizza. Fondamentalmente è questo il motivo per cui non riesco a recensirlo: è troppo triste e nessuna parola del mio vocabolario riuscirebbe a descriverlo senza soffermarsi a riprendere fiato.


Io prima di te è un Quasi amici letterario a sessi opposti, per questo l'ho un po' snobbato sin dall'inizio. Ma alla fine ho ceduto e l'ho letto, sarà che mi piace andare controcorrente o che ho un problema con i libri acclamati dalla maggioranza dei lettori, ma io l'ho trovato abbastanza mediocre. Così, non so come recensirlo senza dire solo "è mediocre e mi aspettavo di più". Tutto qui.


Amo i classici, non ce n'è uno che non mi sia piaciuto anche se ancora devo depennare qualche titolo dalla lista di quelli da leggere prima di morire. Tuttavia io non riesco e mi rifiuto di recensirli. Perché? Perché non mi sento all'altezza.
________________________________________________________

E voi, amanti della lettura? C'è qualche libro che vi mette in difficoltà, ancora oggi, nonostante il tempo passato, e di cui non riuscite ancora a parlarne? Se sì, quale?

Commenti

  1. Pur non recensendoli mi hai fatto venir voglia di leggerli!
    Io non sono mai riuscita a parlare di Siddharta di Hermann Hesse, forse perché è una delle letture che mi ha cambiata di più, uno di quei libri che ti fa vedere il mondo con occhi nuovi. Tu l'hai letto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'ho letto anni fa e concordo con te quando dici che è difficile parlarne :)

      Elimina
  2. Oh che meraviglia, finalmente qualcuno che su "Io prima di te" la pensa esattamente come me! Mi ha così profondamente deluso che mi sono praticamente rifiutata di recensirlo.
    Tra i libri che mi fanno seccare l'inchiostro nelle vene, al primo posto c'è senza dubbio "Perdersi-Still Alice" di Lisa Genova: è troppo, troppo da esprimere in parole dotate di senso compiuto. Va da se quindi che è uno di quelli imperdibili.
    Ah la dura vita della book-blogger!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non è nulla di che, davvero. Capisco il successo, e anche il film è molto bello, ma sicuramente non indimenticabile :)
      Lisa Genova mi fa un po' paura perché affronta delle malattie "importanti" ma prima o poi prenderò il coraggio e la affronterò come ho fatto con la Moyes. :)

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari